Duilio Cambellotti. Infiniti mondi

25 novembre 2023

Vernissage della mostra “Duilio Cambellotti. Infiniti mondi”

ore 17.30 Museo del Vino – MUVIT

saluti istituzionali, vernissage con i curatori Maria Grazia Marchetti Lungarotti e Francesco Tetro.

Ore 19.00 aperitivo di inaugurazione della mostra e della seconda edizione di Torgiano Winter

 

Mostra “Duilio Cambellotti. Infiniti mondi”

In un comune percorso di ricerca dei due archivi privati di Duilio Cambellotti, a Latina, e della Fondazione Lungarotti, a Torgiano, il MUVIT Museo del Vino apre le sue porte alla mostra Duilio Cambellotti. Infiniti mondi. L’esposizione si snoda attraverso 61 opere, tra scultura, arte grafica e medaglistica, realizzate dall’artista romano tra il 1898-99 e la fine degli anni Cinquanta, a testimoniare la poliedricità dell’artista artigiano. Le opere sono integrate da un gruppo di stoffe tessili del XIX-XX secolo collezionate dal Maestro, attento e aperto al fascino dell’arte tessile orientale. Tutto dialoga in perfetta armonia con le raccolte antiche, moderne e contemporanee del museo che le ospita e che, non a caso, già annovera alcune eloquenti opere di Cambellotti tra le sue collezioni. Un rimando continuo al sapere, all’osservare, al cogliere l’essenza delle cose, al comunicare: armonia e sintonia che confluiscono in un unicum tra le due anime, quella dell’artista e quella del Museo. I temi prediletti qui esposti, selezionati dai curatori della mostra e che l’artista affronta nel corso della sua ampia attività, tra la fine dell’Ottocento e i primi cinquant’anni del Novecento, spaziano dalle arti decorative ceramiche e bronzee alla grafica degli ex libris, dalla pubblicità commerciale a quella teatrale, dall’interesse per il dinamismo, dai bozzetti per il manifesto della Balilla dell’Impero alla medaglistica, dai progetti di fontane – posto d’onore occupano in questo senso la Fontana dei boccali e la Fonte della palude delle collezioni Lungarotti – al tema arboreo che riproduce anche in pittura, dal decoro di pesci e spine di grano di oggetti funzionali al pasto al tema pacifista. Ma ancora, il mito arcaico del buttero cavalcante interpretato, la propaganda degli interventi di bonifica delle pianure costiere italiane, il tema del viaggio verso l’ignoto, la decorazione degli edifici sacri fino al premio “Spiga Cambellotti” per l’arte cartellonistica cinematografica che da lui desume il nome. I tessili, collezionati dall’artista tra la fine dell’Ottocento e i primi anni Trenta a partire dal suo viaggio a Costantinopoli, rivestono un ruolo peculiare, un’appendice inedita che ben si sposa con l’artigianato tessile presente nelle sale del MUVIT. Materiali, tecniche e decori che Cambellotti mutua dalle suggestioni che riceve dalla ‘Citta d’Oro’ e che sono stati donati all’archivio Duilio Cambellotti dai figli Adriano e Lucio.

Organizzata dalla Fondazione Lungarotti in collaborazione con l’Archivio del XX secolo di Latina, l’Archivio dell’Opera Duilio Cambellotti e la Galleria Russo, con il sostegno della Direzione Generale Educazione, ricerca e istituti culturali del Ministero della Cultura e la curatela di Maria Grazia Marchetti Lungarotti e Francesco Tetro, la mostra inaugurerà il 25 novembre e sarà visitabile dal 26 novembre 2023 al 1 marzo 2024.

 

Duilio Cambellotti. Infiniti mondi

MUVIT Museo del Vino, Torgiano, 25 novembre 2023 – 1 marzo 2024

Orari: dal martedì alla domenica dalle 10 alle 13 e dalle 15 alle 17

Ingresso: biglietto intero 7,00 euro; ridotto 5,00; ridotto scuole 4 euro

Per info e prenotazioni: 075 9880200 – prenotazionimusei@lungarotti.it